Présentation de la marche NO TAV

Source: No Tav FR, Marche No Tav

Salut à toutes et à tous,

Nous espérons que cette nouvelle lettre vous trouvera plein de vitalité et d’entrain à la perspective de cheminer ensemble entre Lyon et Turin du 30 juin au 12 Juillet. Notre première invitation ayant rencontré un certain écho et quelques questions, nous venons par la présente clarifier certaines de nos intentions.

Il ne s’agit pas d’une marche sur le palais d’hiver ou un quelconque autre lieu de pouvoir ou institution. Nous ne sommes pas à la recherche de symbole. Marcher le long du tracé du TGV c’est se donner les moyens d’apprivoiser des territoires, de se rencontrer. C’est un repérage, une reconnaissance en vue d’une reprise des travaux donc des hostilités. Cette marche s’apparente aux « passeggiata » dans le Valsusa organisée régulièrement pour permettre d’appréhender la montagne, rendre praticable les sentiers, se familiariser ensemble avec les chemins de traverse.

Pour être tout à fait honnête il nous faut expliquer que nous ne marcherons pas de Lyon à Turin. Sur les 15 jours que nous passerons ensemble, nous marcherons certains jours entre deux étapes, d’autres jours autour du camp pour aller découvrir tel chantier qui va bientôt commencer.

Nous ferons des journées au même endroit, avec des assemblées. Nos soirées seront ponctuées de discussions sur les luttes d’ici ou là, mais aussi de concerts et de grands festins. Plus que tout, c’est un temps que nous nous donnons pour vivre ensemble, nous rencontrer. Sortir de l’isolement et allier nos forces. C’est un moment, qui, on l’espère, en appellera d’autres. Trois grandes zones se dessinent : l’avant-pays savoyard, la Chartreuse et la Vallée de la Maurienne.

D’ici là, il y a fort à faire. Nous proposons des assemblées :

le 29 mai à Grenoble (18h), 38 rue d’alembert (suivie d’un concert de soutien)

le 3 juin à Lyon (18h), à la Gryffe, rue Sébastien Gryphe, Lyon 7e

Des marcheurs.es détermine.es!

Pour avoir plus d’informations sur la marche écrire à marchenotav@rebellyon.info et voir sur marchenotav.noblogs.org

Mikalai Dziadok cuts his abdomen and arms in prison

Source: ABC Belarus, Avtonom Dejstvie

Mikalai Dziadok protested against tortures by prison staff.
Viasna human rights centre learnt it from Valeria Khotsina, the wife of the political prisoner.

Mikalai Dziadok was transferred to correctional facility No.9 in Horki for his new prison term on May 12. On May 13, he was thrown into a punishment cell for five days. On May 19, he was transferred to a solitary confinement cell. Mikalai Dziadok spent the night in a very cold cell and asked to be transferred to another cell.

On the morning of May 20, the political prisoner cut his abdomen and arms to draw attention of prison officers. He received medical attention in a medical unit and was returned to the same cold cell where he remained until May 26. According to Valeria Khotsina, her husband already received four sanctions.

Mikalai Dziadok has served 4.5 years of imprisonment for alleged destructive actions against official buildings. He was to be released on March 3, 2015. On February 26, the court of Mahilou’s Leninski district sentenced the political prisoners to an additional year in a maximum security correctional facility for violating article 411 of the Criminal Code (disobeying orders of prison staff). The court of appeal upheld the verdict on April 30.

Attack on the Autonomous Workers’ Union activist (Kyiv)

Source: Autonomous Workers’ Union

On Saturday, May 23, an activist of Autonomous Workers’ Union was attacked in the downtown Kyiv. The motives for the attack were political. The attackers had set up a meeting with the artist Dmitry M., posing as customers for his services. When Dmitry arrived, the two guys menacingly suggested to “go and talk somewhere else” and attacked him outright after his refusal. The fight was over in no time, as some passers-by intervened — the attackers withdrew, shouting their excuses: “He was the first to snitch on us on the Internet!

The activist wasn’t injured; however, this act cannot be ignored. This set-up meeting was arranged neither by the police agents nor by boneheads, but by our Belarusian “comrades” – former political prisoner Alyaksandr Franzkevich and his friend Maxim aka “The Belarusian”. Several weeks before the incident they had written a homophobic, sexist text about the Kyiv May Day rally participants: they were unhappy with the presence of LGBTQ and anarcha-feminist slogans, behind which, according to the authors, “topics of class and social inequality were lost.” Dmitry indignantly commented on this text which was being pushed through by “manarchists”. After that they decided to “punish” him physically.
belarus

This is not the first time Alyaksandr Franzkevich engages in a questionable activity: he threatened activists, gave his endorsement to those who employ homophobic and anti-feminist rhetoric (which has recently came into fashion in some quasi-anarchist circles), and advocated cooperation with nationalists. Maxim was recently seen at a nationalist rally organized by the notorious Right Sector – such “allies” are more acceptable to them than feminists and LGBTQ. Still, up until now most of the other leftists tolerated their presence in the movement.

On May 23d, the line was crossed with the attack. This should be a sufficient argument to finally stand against all attempts at establishing hierarchies, hate speech, and police-like methods. These practices, normally employed by the far-right, have no place in the anarchist community.

Autonomous Workers’ Union urges all who consider themselves part of the anarchist movement to renounce any form of cooperation and communication with the aforementioned persons.

Lucio, Graziano e Francesco: sentenced to 2 y and 10 m

Source: Da: Notav.info, TG Maddalena

Lucio, Graziano and Francesco were sentenced to 2 years, 1 months and 20 days.

The prosecution of the crown prosecutors was dismantled in Turin for Lucio, Francesco and Graziano.

This morning came the judgment after a year in prison under maximum surveillance. The penalty, disproportionate to the facts, and reduced by 1/3 since the summary procedure, it honors only the crusade of cp with the helmet, which had to back down on terrorism charges, but they see accepted other accusations, all relating to fire to the compressor/supercharger.

Lucio, Graziano and Francesco will come out today and serve out the remainder of the sentence under house arrest because thanks to the doggedness of the prosecution have made almost a year in prison.

Even for them we want complete freedom, as well as for all notav still under arrest or subject to measures restricting the personal freedom.

Will come the day when we will show who are the real criminals in the TAV issue, and the many generous notav who fought with passion and commitment will be recognized the right merits, those of feed and support a popular resistance that will never surrender.

Free all, NO TAV!

PS: at the Central of Chiomonte where this morning we find ourselves in solidarity with the three boys, the police block access by implementing yet another provocation against a land that can not be intimidated by some cages, gates and shields. See you soon.

Lucio, Graziano e Francesco: condannati a 2 anni e 10 mesi

Da: Notav.info, TG Maddalena

Lucio, Graziano e Francesco sono stati condannati a 2 anni, 10 mesi e 20 giorni.

Smontato ancora una volta l’impianto accusatorio della Procura di Torino anche per Lucio, Francesco e Graziano.

Questa mattina è arrivata la sentenza dopo quasi un anno di carcere in circuiti di massima sorveglianza. La pena, spropositata rispetto ai fatti e ridotta di un terzo visto il rito abbreviato, rende onore solo alla crociata dei pm con l’elmetto, che hanno dovuto fare marcia indietro sul l’accusa di terrorismo, ma che vedono accolte le altre accuse, tutte relative all’incendio del compressore.

Lucio, Graziano e Francesco usciranno oggi e sconteranno il rimanente della pena ai domiciliari visto che grazie all’accanimento della procura hanno già fatto quasi un anno di carcere.

Anche per loro vogliamo la completa libertà , così come per tutti i notav ancora agli arresti o colpiti da provvedimenti restrittivi della libertà personale.

Verrá il giorno in cui dimostreremo chi sono i veri criminali nella vicenda Tav, e ai tanti notav generosi che hanno lottato con passione e impegno saranno riconosciuti i giusti meriti, quelli di alimentare e sostenere una resistenza popolare che non si arrenderà mai.

Liberi tutti, avanti notav!

pe: alla Centrale di Chiomonte dove da questa mattina ci si ritrova in solidarietà con i tre ragazzi, le forze dell’ordine bloccano gli accessi mettendo in atto l’ennesima provocazione nei confronti di un territorio che non si lascia certo intimidire da reti, cancelli e scudi. A presto.

L’udienza è iniziata alle 9:30 con le repliche da parte dei PM e le contro-repliche della difesa, come ci spiega l’avvocato Eugenio Losco: “Poi c’è stata la camera di consiglio del giudice ed è stata letta la sentenza . Sono stati riconosciuti responsabili dei reati ed è stata applicata una pena di 2 anni, 10 mesi e 20 giorni, una sentenza che, da quello che si è capito sembrerebbe ricalcare molto quella che è già stata emessa nei confronti di Chiara, Claudio, Niccolò e Mattia dalla Corte d’Assise (il 17 dicembre 2014), questo lo si capisce anche dalla pena, da come è stata determinata, e da una leggera riqualificazione dei fatti che è stata fatta nel dispositivo. In più il giudice ha ritenuto, anche in considerazione del periodo già trascorso in carcere, di modificare la misura, e ha sostituito la custodia cautelare in carcere con i domiciliari con divieto di comunicazione con persone diverse da quelle conviventi, una decisione autonoma del giudice senza una formale richiesta dei difensori, questo anche perché probabilmente ha ritenuto, come è giusto che sia, attenuate in maniera decisa, notevole le misure cautelari e ha ricalcato anche sotto questo aspetto il provvedimento che era stato fatto in Corte d’Assise che aveva successivamente deciso di applicare anche agli altri quattro la misura dei domiciliari.
Siamo abbastanza soddisfatti, ovviamente è una pena importante 2 anni e 10 mesi considerando anche che si trattava di un rito abbreviato però la prima lettura che si può dare è che sono state sconfessate le richieste della pubblica accusa che erano state decisamente superiori, avevano chiesto una pena superiore di tre anni rispetto a quella poi applicata perché avevano richiesto 5 anni e 6 mesi, una richiesta altamente sproporzionata ai fatti e a quello che era già stato deciso dalla Corte d’Assise. In più il giudice ha deciso di applicare anche le circostanze attenuanti generiche, come richiesto dalla difesa, circostanze che invece i PM avevano ritenuto non meritevoli i tre ragazzi. Dobbiamo aspettare le motivazioni della sentenza, il giudice si è riservato 90 giorni per il deposito delle motivazioni, escono oggi… entro questa sera possono andare finalmente a casa dopo quasi un anno di detenzione, e questo è sicuramente l’aspetto più importante della giornata.”Intanto arrivano notizie da Chiomonte: bloccato l’accesso al ponte, per accedere ai cancelli della centrale, dove i no tav si sono dati appuntamento per una lunga giornata di iniziative.

Operazione della polizia postale contro Anonymous: arresti e perquisizioni

Da: Infoaut

Perquisizioni, denunce e due arresti domiciliari durante un’operazione coordinata questa mattina dalla Polizia Postale contro presunti membri della crew di hacktivisti digitali Anonymous. Ad essere colpite dall’operazione repressiva denominata “UNMASK” (“smascherare”) almeno 5 persone nelle città di Torino, Sondrio, Livorno e Pisa accusate, secondo gli inquirenti, di avere “portato a termine ripetuti attacchi informatici ai sistemi di numerose amministrazioni pubbliche ed aziende private, dalle quali venivano illecitamente carpite credenziali di autenticazione (userid e password) ed altre informazioni sensibili”.

Nel mirino delle forze dell’ordine alcune delle più eclatanti azioni del collettivo, tutte volte a fornire un supporto “esterno” (ma non per questo meno fondamentale) alle lotte e ai movimenti sociali articolatisi negli ultimi anni in Italia: tra le operazioni contestate figurano infatti i numerosi attacchi contro il sito del Tribunale e del carcere di Torino in sostegno alla lotta No Tav e contro i sindacati di Polizia (Coisp, Siulp, Sappe) sempre pronti a difendere l’infame operato dei propri uomini, come nel caso degli omicidi di Aldrovani e Cucchi. Nelle indagini risultano finanche i recenti hackeraggi contro la biglietteria online di Expo 2015 nella giornata del primo maggio scorso e contro il Ministero della Difesa, operazione quest’ultima rivelata dagli account ufficiali di Anonymous Italia nella giornata di ieri.

Ad essere presi di mira in maniera particolare dal Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche (C.N.A.I.P.I.C., già oggetto di attenzioni da parte degli hacktivisti negli anni scorsi) gli account conosciuti come “aken” e “otherwise”, tra i più attivi e generosi nelle operazioni di attacco informatico e di diffusione dei dati trafugati. Le indagini, secondo quanto scritto nel comunicato della polizia, avrebbero “necessitato un particolare dispositivo operativo che ha permesso grazie al diretto coinvolgimento del personale impiegato in attività sotto copertura ed al coordinamento delle operazioni sul territorio, di sorprendere gli esperti hacker con i computer accesi, evitando quindi la cifratura dei contenuti”; una modalità di azione nuova per quanto riguarda questo tipo di operazioni repressive, che ben dimostra come la centralità dell’operato di Anonymous abbia messo in estremo imbarazzo istituzioni e forze politiche da sempre costrette a minimizzare i successi degli hacktivisti salvo poi dovere fare i conti i pesanti danni (di immagine e di contenuto) che le diverse #op hanno causato nel corso degli anni.

Tra le persone indagate risulta anche un redattore dell’emittente torinese indipendente Radio BlackOut, che questa mattina ha subito una perquisizione nella propria abitazione durante la quale è stato sequestrato un computer portatile (di proprietà della sua compagna…). Diego, questo il nome del compagno, ha raccontato l’episodio questa mattina ai microfoni di Radio BlackOut, spiegando come il suo rapporto di estrema diffidenza nei confronti degli apparecchi informatici – per di più nota e risaputa da chiunque lo conosca – lo renda una delle persone meno indicate ad essere oggetto di un’inchiesta contro il collettivo Anonymous.

Una dichiarazione che rende evidente come la rocambolesca ricostruzione delle indagini fornita delle forze dell’ordine, al limite di una spy story, venga poi smentita dai fatti e dall’approssimazione che mostra come determinate operazioni di polizia puntino più che altro a colpire nel mucchio per reprimere una forma di militanza e di attivazione politica del tutto sfuggevole alle consuetudinarie forme di controllo e, per questo, considerata più pericolosa di altre. E’ quindi importante, da subito, fare sentire la nostra solidarietà nei confronti delle persone arrestate e indagate questa mattina, dal momento che quella di Anonymous non è che una delle tante forme di lotta collettiva che abbiamo imparato a sostenere e rivendicare per le strade delle nostre città e per i sentieri delle nostre valli.


Anonymous siamo tutti e tutte noi!
We do not forgive. We do not forget.
Liber* tutt* subito!

3 sgomberi in 4 giorni (Bologna)

Da: Zero In Condotta, Hobo Bologna, Hobo Facebook, Eat the Rich Facebook

Il cibo gli piace slow ma gli sgomberi li preferiscono fast!

Così com’era accaduto per la precedente occupazione in via Fioravanti, è immediato l’intervento delle forze dell’ordine per lo sgombero di Eat the rich dallo stabile riaperto stamattina (23 Maggio 2015) in via Alessandrini 21. A poche ore dall’occupazione, diverse camionette del reparto mobile e agenti della Digos sono arrivati sul posto dopo la segnalazione dell’occupazione fatta dalla vigilanza. In più di quaranta stamattina sono stati identificati per l’occupazione e lo sgombero di Eat the rich.
I compagni e le compagne hanno allestito un mercato popolare di fronte al palazzo di Intesa Sanpaolo occupato perchè lasciato all’abbandono per anni.
La lotta per un’esistenza più felice e libera non si può arrestare!

Mentre questa mattina (26 Maggio 2015) è andata in scena la nuova puntata della love-story tra i poteri della città, Partito unico della nazione, Questura e Unipol, con lo sgombero degli Ex-Magazzini del Popolo, stabile occupato da circa un mese contro la speculazione edilizia e la rendita. Si è trattata di un’importante tappa all’interno della campagna Space Invaders, un’occupazione fatta innanzitutto verso la mobilitazione contro Expo e la MayDay milanese. Ci siamo presi quello spazio per denunciare come la bolla delle cattedrali del consumo, dei megaeventi e delle grandi opere, scoppiando sul territorio, lascia solo deserto e desolazione. In queste settimane di iniziativa gli Ex-magazzini del Popolo si sono riempiti di socialità e partecipazione, elementi sociali che non possono essere sgomberati da nessuno e che vivono pronti a riappropriasi di nuovi terreni.

Questo ennesimo sgombero di uno spazio rientra nel piano politico del Partito della Nazione e delle sue articolazioni cittadine, amministrazione comunale, università, procura e questura, poteri finanziari, assicurativi e speculativi come Unipol, di restringere l’agibilità politica e le lotte sociali che si pongono l’obiettivo generalizzato di un miglioramento di vita per tutti e tutte. Se, come diceva Fassino, ora il PD è “padrone di una banca”, è vero anche che altro non gli è rimasto.

Gli sgomberi, le misure cautelari e gli attacchi alle iniziative di resistenza sociale alla barbarie politica – ulteriormente accelerati nell’ultimo mese dal nuovo questura al servizio del PD – sono la misura della loro paura e della loro debolezza, l’ultimo tentativo di arginare la totale illegittimità di questo governo rispetto al tessuto sociale e alla realtà. La campagna Space Invaders continua: presto ci troverete dove meno ve lo aspettate. E ancora una volta abbiamo mostrato che attaccare il sistema di potere del PD è possibile, attaccarlo è necessario.

A voi il Comune blindato, noi ci prendiamo la città!

Asia Usb dopo lo sgombero: “Rioccuperemo, cos’altro possiamo fare?”. Gli operatori del Comune propongono solo due settimane di accoglienza nel dormitorio di via del Pallone, gli ex occupanti rifiutano.

Erano le nove di questa mattina (25 Maggio 2015), quando la polizia ha fatto irruzione nello stabile in cui da venerdì scorso avevano trovato rifugio i 150 migranti vicini alla Coalizione internazionale rifugiati migranti e sans-papier (Cispm).

Quando le forze dell’ordine sono entrate nel residence occupato, c’erano circa novanta persone e una decina di bambini. Secondo il racconto fatto da chi si trovava all’interno dello stabile, gli agenti sono entrati da più parti nello stesso momento. Un vero e proprio blitz insomma che ha coinvolto almeno sei camionette di polizia e carabinieri.

I migranti, una volta fatti uscire dalle camere occupate, radunati nel parcheggio sotterraneo del residence, sono stati identificati dalla Digos. Decine di persone inoltre, sono state fatte salire nei cellulari della polizia ed accompagnati in questura. Tra questi ci sono numerosi richiedenti asilo e diverse persone sprovviste di documento di residenza.

Per via della presenza dei minori, lo sgombero è stato assistito anche dagli operatori dei servizi sociali. Una presenza la loro, che si è comunque rivelata poco efficace visto che l’unica alternativa proposta alle madri è stata l’accoglienza temporanea (15 – 20 giorni) nel dormitorio a di via del Pallone. L’offerta infatti, è stata rifiutata dalle famiglie perché comunque ritenuta una soluzione precaria. Alla fine della mattinata, agli ex abitanti della Dima non è rimasta che la possibilità di creare un bivacco nel vicino giardinetto Arpad Weisz.

“Stasera faremo un’assemblea chiusa alle 18 all’ex clinica Beretta, ci sono diverse cose su cui fare il punto, ma e’ scontato che rioccuperemo. Cos’altro possiamo fare?”. È l’appello lanciato da Asia Usb, la federazione che ha da subito espresso la totale solidarietà all’occupazione dell’ex Dima.

— — —
Occupiamone uno, liberiamone cento: comunicato di solidarietà alla Rete Eat the Rich

Alle prime luci del mattino i compagni e le compagne della Rete Eat the Rich hanno occupato lo stabile di via Alessandrini 21,uno dei tanti immobili di proprietà di Intesa San Paolo abbandonati alla mercè della speculazione edilizia.

Dopo poche ore è arrivato l’immediato ordine di sgombero, eseguito in pompa magna da celere e digos. Più di quaranta compagn* sono stati identificati e portati fuori dall’edificio: anche in questo caso non sono mancate provocazioni con calci e spintoni da parte delle forze dell’ordine.

Ma la socialità non si sgombera! In tutta risposta solidali e occupanti hanno allestito un mercato popolare e una colazione resistente di fronte all’occupazione: torte fatte in casa, libri e musica hanno animato quest’uggioso sabato mattina.

Pare che il nuovo questore Coccia abbia tutto ciò come principale nemico, infatti si è subito ambientato nella struttura di potere cittadino di Pd e colossi bancari, finanziari e assicurativi, tanto da eseguire manu militari ogni ordine proveniente dal Partito della Nazione

Esprimiamo tutta la nostra solidarietà alla Rete Eat the Rich: la lotta per l’agibilità politica, per una vita collettiva più felice e libera non si sgombera nè si arresta!

Solidarity to Lucio, Fra, Graziano!

Lucio Alberti, Graziano Mazzarelli and Francesco Sala are three comrades accused of having done on May 13rd 2013 a night attack on the costruction site of the TAV in Chiomonte. They will be judged for the crimes of damage by means of fire, violence against public officer, possession and transport of weapons of war.
Today the three are in the jail of Turin. Four other No Tav No Tav accused of the same crimes for the same act, are instead today under house arrest (Chiara, Claudio, Niccolò and Mattia).

Also for the Court of Review, which before Christmas was called upon to decide on the crime of terrorism given by the prosecutor in Turin for Lucio, Francesco and Graziano, the crime does not exist. It was the last attempt of hysterical crown prosecutor (it’s in fact been notified a few days before the ruling for Chiara, Claudio, Niccolò and Mattia) to continue to build their castle of accusations against the No TAV. Remain the charges of possession and manufacture of molotov and resisting the police, allegations that maintain precautionary detention in prison.

It took place on April 23rd the first hearing, strictly behind closed doors to Lucio, Francesco and Graziano.
During the hearing the defense lawyers had to thwart the will of the prosecution to make theclosing argument in one day and got a postponement to May 12 for a hearing to be held always behind closed doors.
The three No Tav, inmates at Vallette (Turin’s jail) in conditions unworthy, have asked to return to the jail of Ferrara, although in high security, awaiting the start of the process.
The court will issue a ruling later on May 27th.

Update from May 12nd:

Lucio, Francesco Graziano and the request of crown prosecutors Rinaudo and Padalino is sentenced to 5 years and 6 months. In the hearing today, practically the only considering the track trial, the first 3 hours were entirely occupied by the two prosecutors, according to the comrades’ lawyer Losco: “[…] the facts in dispute are clearly less severe, the request was so high compared with the one asked for the four activists last here, it was suprising”

All we were on that night.
Terrorist is who terrifies and destruct the lands.

UPDATE 27th May 2015:

Lucio, Graziano and Francesco were sentenced to 2 years, 10 months and 20 days.

This morning came the judgment after a year in prison under maximum surveillance. The penalty, disproportionate to the facts, and reduced by 1/3 since the summary procedure, it honors only the crusade of cp with the helmet, which had to back down on terrorism charges, but they see accepted other accusations, all relating to fire to the compressor/supercharger. Read more.

Manifestazione del 23 maggio 2015 a Gorizia

Una grande manifestazione antifascista, antimilitarista per la pace tra i popoli.

Da: Marco Barone, Facebook evento

Sulla pagina facebook ufficiale del gruppo informale Ronchi dei Partigiani, è stato pubblicato l’evento organizzato dall’Osservatorio regionale antifascista del FVG per il 23 maggio a Gorizia. Una grande manifestazione, pacifica, antimilitarista, antifascista, per la pace tra i popoli, che si opporrà a quel motto “risorgi, combatti, vinci” che ricorda il tremendo ventennio, che caratterizzerà la manifestazione di Casapound che il 23 maggio partirà con il suo corteo da Gorizia dalla Casa Rossa, cioè a pochi metri dalla Slovenia. L’Osservatorio regionale antifascista del FVG ha prodotto un corposo appello,che ha lo scopo di dimostrare che esiste una Gorizia diversa, una Gorizia che si oppone agli irredentismi, ai nazionalismi, ai fascismi di ieri e di oggi, alla celebrazione della grande guerra, per l’affermazione di una visione fortemente critica di quella macelleria umana e sociale che ha visto Gorizia essere semplicemente distrutta. Nel testo dell’appello si legge che “ (…) Casa Pound sceglie Gorizia perché fu l’unica città conquistata con le armi, al prezzo di decine di migliaia di vite e della distruzione e abbandono dell’intera città – l’8 agosto 1916 vi era tra le macerie solo un decimo degli iniziali 30mila abitanti – che di “redenzione” visse assai poco e, in più, conobbe la prima deportazione razzista, a danno degli sloveni che erano circa la metà della popolazione iniziale. (..) Ma sceglie Gorizia anche perché da decenni è stato seminato in questa città, da parte di alcune organizzazioni, un seme nazionalista, irredentista, che legittima operazioni come quelle che ora si vorrebbero attuare.Ci è impossibile accettare che il 23 Maggio, a Gorizia si celebri l’infamia dei massacri, tanto più da parte di un’esplicita organizzazione neofascista come Casa Pound, che, nella fattispecie, sfrutta proprio le coincidenze simboliche degli anniversari, per esaltare la guerra da un lato e infangare la Resistenza antifascista dall’altro. Il 23 Maggio a Gorizia ci saranno manifestazioni antifasciste, e rivolgiamo un appello per una mobilitazione ampia e plurale a tutte e tutti coloro – antifascisti/e, antirazzisti/e, movimenti sociali, associazioni, singoli – che hanno per patria il mondo intero, che odiano la guerra ma amano la resistenza e la liberazione dai fascismi di ieri e di oggi. Allo stato attuale è stato comunicato alla Questura di Gorizia un presidio per tutta la giornata di sabato 23 maggio in Piazza della Vittoria e lo svolgimento di due cortei; uno che parte da Piazza Transalpina e raggiunge Piazza della Vittoria e l’altro che parte dalla Stazione ferroviaria e arriva, a sua volta, in Piazza della Vittoria. Ulteriori informazioni verranno ovviamente date in seguito attraverso, i giornali, i siti internet, facebook eccetera”.

Il commento di un compagno friuliano:

Ieri a Gorizia una gran bella manifestazione contro i guerrafondai nazionalisti di Caspound.
Da una parte il nostro corteo colorato, meticcio, vivo, determinato e comunicativo;
Dall’altro il loro lugubre, militaresco, in fila per 5 come zombi intruppati in silenzio e con il servizio di sostegno a rimetterli in riga se sgarravano il passo.
Da una parte noi a rivendicare un mondo senza confini assieme a sloveni e austriaci, a raccontare la storia dei disertori e dei milioni di proletari mandati al macello per soddisfare gli interessi dei padroni e la vanagloria di generali schifidi;
Dall’altra loro a festeggiare l’inizio della guerra e non la fine come sarebbe logico, umano, dignitoso fare. Divisi per regioni, muti e portatori di slogan demenziali che inneggiavano alla morte e allo stato.
Un migliaio eravamo, dalla Friuli Venezia Giulia e da Lubiana, grazie ad un lavoro costruito in meno di 2 mesi dall’Osservatorio Regionale Antifascista, una realtà autogestionaria che dal basso ha saputo andare al cuore dell’organizzazione con metodo e inclusività.
Un migliaio erano loro da tutta Italia, certamente troppi, ma perdenti comunque e non solo nei numeri, anche nel fatto che siamo riusciti a relegarli in periferia, fuori dalla città, perché hanno avuto come accoglienza solo quella di un assessore fascista che è salita sul palco loro a delirare. I goriziani erano con noi, nonostante le mistificazioni della stampa e delle tv, palesemente contro di noi.
E poi una bella giornata per il movimento libertario regionale e quello di Lubiana, lo spezzone libertario che si può vedere in una parte in questo breve video era davvero grande, sicuramente il più numeroso d’area.
Ma la cosa bella era che non c’era una rigida disposizione, anzi, gli spezzoni erano fluidi, si contaminavano e questo è stato l’aspetto più importante di ieri.
Ed in ultimo bravi noi pordenonesi, un gran merito al Pnrebel, questo progetto nato in sordina, oscurato, censurato e snobbato dai media locali che ha saputo portare in piazza a Gorizia un pullman e tre macchine di compagn* e amic* dalla provincia e anche dal vicino veneto.
Non ci sono allori né autoincensamenti, anzi. Il lavoro da fare è enorme, la pericolosità del fascismo che casapound esprime è in ascesa, l’accoppiamento con la Lega di Salvini sta rafforzando un clima di intolleranza e xenofobia palpabile e diffuso, direi ormai maggioritario.
Non è il tempo per sentirsi estranei o esonerati da un impegno attivo e sociale, ognuno può scegliere come e seguire la sua attitudine ma si deve mettere in gioco.
Ultimo ma importante considerazione va fatta nei confronti dei partiti e delle associazioni che hanno atteso all’ultimo, come avvoltoi, per aderire e poter quindi avere una legittimazione a partecipare: la cosa è imbarazzante, fatevi qualche domanda.
A quelle associazioni sindacati che invece NON hanno aderito, lasciando solo qualche loro iscritto a salvare la faccia con qualche bandiera: vergognatevi!
VOGLIAMO UN MONDO SENZA CONFINI, ESERCITI ESERCITI ASSASSINI!

Three taken into custody at nuclear protest (Pyhäjoki)

Source: Yle.fi

A Swedish national and two others were detained Monday morning for involvement in a protest against the construction of a nuclear plant by Fennovoima in Pyhäjoki, near Oulu. Two of the detained protesters had chained themselves to excavating equipment.

Three people have been taken into custody following their involvement in a protest against the building of a nuclear plant in Pyhäjoki, western Finland.

Two of the detained protesters had reportedly chained themselves to excavating equipment.

A third detainee, a Swedish national, has been named as 19-year-old student Leon Berthas, who may have been filming the protest. His father, Håkan Berthas, told Yle he last heard from his son at eight a.m. Monday and has not been in contact with him since.

“He said that the police were coming. I said ‘you should be alert, watch out,’” Berthas said.

Berthas said that he presumes that his son simply wanted to film the event but that police prevented him from doing so by detaining him.

“They didn’t want him to film,” Berthas alleged. “It is obvious that they do not want demonstrations and police violence to be filmed,” he claimed.

Police spokesman Arto Autio said that Leon Berthas was taken to the Raahe police station for questioning because he refused to obey police requests at the construction site. Autio said that police repeated their requests 10 times before he was taken into custody.

Autio says the individuals were taken into custody because police needed to check their identities, and that Berthas faces charges of disobeying police.

It remains unclear when the three will be released.

Bertha attends college and his documentary film “Sisu Meltdown,” about nuclear power in Finland — which his father helped to film — is part of his coursework.

Construction at the Pyhäjoki site resumed later on Monday.