Patryk Cichoń, Antifascist Comrade Facing Extradition [en, it]

Sources/Fonte: Brighton ABC, Torpedos Roma

patryk

English

At the beginning of May 2016 our comrade Patryk Cichoń from Poland was arrested by British police under an European Arrest Warrant. Patryk is a well known anti-fascist militant notorious among nazi-bonehead scum in his city for his uncompromising stance against them in the past. Boneheads managed to convince a few of their friends to testify against Patryk and his friend for alleged assault and robbery. As it appeared later, his friend had very good alibi and had the charges dropped (despite being allegedly recognised by the “victim” and his friends), so Patryk ended up being sentenced on his own. The whole trial was an absolute travesty and Patryk as a poor, young working class person was not able to afford a proper defence. He spent two months on remand in 2004 and was sentenced to three years in prison.
It is clear that this whole case was politically motivated and had only one purpose, which was to get rid of the core of the anti-fascist resistance in Patryk’s home town.
Rather than doing prison time, he decided to escape abroad and came to UK in 2005. He started his new life there, continuing to be involved in anti-fascist activity: organising gigs in London, including United and Strong Fest which has seen lots of great Antifa bands from all over Europe performing, and raising money for antifascist initiatives. He was also the editor of the ‘Skinhead Revolt‘ fanzine, which was the first left wing skinhead publication in Polish.
After his arrest, he spent 9 days behind bars and was then was released under strict bail conditions, including a curfew and an electronic tag. On June 24 he has to attend another hearing that will most likely decide upon his extradition. Patryk is fighting against being sent back to Poland as he has a family in the UK, including his partner and an 8-year-old son.
He currently needs all the solidarity we can offer. He has already spent his savings on legal defence and will need more money to continue, but in the meantime his family also needs supporting.
Patryk was always there if others needed help and assistance, please make sure he is not left on his own now.
Fundraising is organised by Brighton Anarchist Black Cross. You can pay money to our paypal address:
thebottledwasp @ riseup . net (please choose “payment to a friend” option and add a note saying “for Patryk”)
or to our bank account:
Nationwide Acc.
no./Reference: 0321 / 704131186

[NB: The sender will need to quote this account number in the additional reference section on their payment instruction]
IBAN: GB97NAIA07009333333334
BIC: NAIAGB21

Italiano

SOLIDARIETÀ PER PATRYK CICHON´! NO ALL’ESTRADIZIONE!

All’inizio di Maggio 2016 il compagno polacco Patryk Cichoń è stato arrestato dalla polizia britannica sotto mandato di arresto europeo.
Patryk è un antifascista e anarchico, membro della R.A.S.H polacca, molto noto tra la feccia nazista dei boneheads della sua città per la sua posizione intransigente nei loro confronti. Un po di anni fa gli stessi naziskin riuscirono a convincere alcune persone a testimoniare (il falso) contro Patryk ed un suo amico per una presunta aggressione e rapina. Durante il processo emerse che il suo amico aveva un buon alibi e fu assolto mentre Patryk fu condannato. Le varie testimonianze e prove durante il processo furono travisate e Patryk, essendo un giovane della classe operaia, non pote’ permettersi un’adeguata difesa. Trascorse 2 mesi in attesa del giudizio e nel 2004 fu condannato in Polonia a 3 anni di carcere.
E’ chiaro che tutto questo caso era politicamente motivato e aveva un unico scopo, quello di sbarazzarsi del movimento antifascista di Stalowa Wola, città natale di Patryk.
Nel 2005 Patryk, decise di scappare in Gran Bretagna per non scontare la condanna. Qui intraprese una nuova vita ma continuò a credere fortemente nelle sue idee e a militare nel movimento antifascista londinese. Lo stesso Patryk organizzò una serie di iniziative e concerti benefit a Londra per il movimento antifascista, tra cui lo UNITED AND STRONG FEST concerto in ricordo di Davide Cesare “Dax” , un raduno che vide l’esibizione delle più grandi band Oi! di tutta Europa tra cui i Brigada Flores Magon, gli Oppressed, gli Stage Bottles, i Non Servium, gli S-Contro, i Blaggers Ita, i Bull Brigade e i Bomber 80. Patryk è stato anche l’autore della Skinhead Revolt, prima fanzine antifascista del movimento redskin polacco.
Recentemente è stato arrestato e dopo essere stato 9 giorni dietro le sbarre è stato rilasciato con rigorosissime condizioni di cauzione come il coprifuoco e la targhetta elettronica. Il 24 giugno deve partecipare ad un altro processo in cui molto probabilmente i giudici chiederanno la sua estradizione. Patryk è perseguitato perchè antifascista! Ha bisogno di tutta la nostra solidarietà! Ha speso tutti i suoi risparmi per difendersi legalmente e ha bisogno di più soldi per poter continuare la sua difesa, e per badare alle sue esigenze familiari.
Se qualcuno aveva bisogno di aiuto, Patryk era sempre lì. Adesso non lasciamolo solo!
La raccolta fondi per aiutare Patryk è stata organizzata dalla Croce Nera Anarchica di Brighton. È possibile versare un contributo all’indirizzo PayPal:
thebottledwasp @ riseup . net (si prega di scegliere l’opzione “pagamento ad un amico” e aggiungere una nota scrivendo “for Patryk”) o sul conto bancario:
Nationwide Acc.
no./Reference: 0321/704131186

(Anche qui il mittente dovrà citare questo numero di conto nella sezione di riferimento aggiuntivo al pagamento)
IBAN: GB97NAIA07009333333334
BIC: NAIAGB21

Saboteurs of the fences at the border of the Balkans [en, it]

Source: Rabble, Hurriya

As razorwire fences are being erected across Europe, migrants and comrades are taking action to bring them down.

In the latest incidents, comrades have attacked the Croatian-Slovenian border. Accounts gathered from the mainstream media.

‘They look like your neighbours, ordinary people and students who in no way seem different. But, only during the day. When night comes, they dress in black, pull balaclavas over their heads with slits for the eyes and put gloves on their hands. They take scissors for wires and go into the night, towards the Slovenian border. With a bit of luck, they return with a thick roll of razor-wire fence and publish the photos of their trophies on the Facebook page of a group which brings together anonymous wire cutters. The initiative started in Croatia, in Istria, and soon spread throughout the whole Croatian border area. After one of the raids in Hrvatsko Zagorje, the idea crossed the border, reports Jutarnji List on December 31, 2015.

Protesters on both sides of the border started peacefully, decorating the razor fence with Christmas ornaments, playing volleyball over it, hanging banners with various messages. Slovenian composer Matija Krečič even performed a “Christmas Morning” concert next to the fence in Bela Krajina region with three violins and a cello, but all these ideas had little effect. However, then a guerrilla initiative was started. As soon as the fence appeared near Matulji, local residents started cutting it and posting photos of souvenirs.

A team which recently started doing similar raids near Zagreb includes a member of the Workers’ Front, a radical left-wing organization which campaigns against the “dictatorship of capitalism and party oligarchies”. He recommends that anyone who wishes to participate in the raids should find a field with stretched wire fence, and go there at night in a group of three people, “with two cutting and one driving”.

“After fifteen minutes, the driver picks up those who were doing the cutting. The wire is very dangerous, so you have to use those thick heavy-duty gloves. But, at least the wire will not be able to hurt anyone else or prevent somebody’s movements”, says the anonymous razor-wire cutter on the Facebook page which brings together supporters with a slogan: “Let’s cut the wire! The initiative for the self-organized removal of wires on the borders which divide people, kill animals and take us back to the Dark Ages of European history.”‘

All of the Slovenian activists came there from the Slovenian capital Ljubljana. “This is our fourth intervention. The sound of pliers cutting the wire relieves me of stress. I would recommend it to all who feel stressed”, said a young man dressed in black. On his head there was a GoPro camera attached. Clearly, the video will end up on the internet.

“After the activists came to the wire, they started cutting it. The razor wire is very dangerous. It can catch clothes and make small cuts on the hands. When animals get stuck there, they are doomed (note from rabble: many deer have apparently been killed after getting caught up in the wire). Activists helped each other to get out if someone got stuck in the razor blades.”

///

IT: Sabotatori delle recinzioni alla frontiera dei Balcani

I manifestanti su entrambi i lati del confine hanno iniziato pacificamente, decorando la recinzione con addobbi natalizi, giocando a pallavolo, appendendo striscioni con vari messaggi. Il compositore sloveno Matija Krecic ha anche eseguito un concerto “Christmas Morning” (con tre violini e un violoncello) accanto alla recinzione nella regione di Bela Krajina, ma tutte queste iniziative hanno avuto scarso effetto. A questo punto si è passati ad un azione diretta: non appena giunti in prossimità della recinzione di Matulji, i residenti hanno iniziato il taglio delle reti e la pubblicazione di foto souvenir.

Il gruppo che ha recentemente iniziato a fare incursioni simili nei pressi di Zagabria comprende un membro del Fronte dei lavoratori, un’organizzazione di sinistra radicale, che si batte contro la “dittatura del capitalismo e delle oligarchie di partito”. Lui raccomanda a chiunque desideri partecipare alle incursioni di individuare un campo recintato dal filo spinato, e ritornarci di notte con un gruppo di tre persone “, due che tagliano e un guidatore”.

“Dopo un quarto d’ora, il conducente raccoglie coloro che stavano tagliando. Il filo è molto pericoloso e bisogna pertanto utilizzare guanti spessi e pesanti. Ma almeno il filo non sarà in grado di ferire qualcun altro o impedire movimenti di qualcuno”, dice il tagliatore di filo spinato anonimo sulla pagina di Facebook che riunisce i tifosi con uno slogan: Tagliamo il filo! Iniziativa per la rimozione auto-organizzata delle recinzioni sui confini che dividono le persone, uccidono gli animali e ci portano indietro ai secoli bui della storia europea.”

Tutti gli attivisti sloveni sono andati lì dalla capitale slovena Lubiana: “Questa è la nostra quarta azione diretta. Il suono delle pinze che tagliano il filo mi allevia lo stress. Lo consiglio a tutti coloro che si sentono stressati” ha detto un giovane vestito di nero. Sulla sua testa c’era una telecamera GoPro collegata. Chiaramente, il video finirà su internet.

“Dopo che gli attivisti sono arrivati alle recinzioni, hanno iniziato a tagliare il filo spinato che è molto pericoloso. Si può rimanere impigliati con i vestiti e farsi dei tagli sulle mani. Quando gli animali vengono bloccati lì, sono condannati (nota di rabble: molti cervi sono stati uccisi dopo essersi impigliati nel filo spianto). Gli attivisti si aiutavano a vicenda per districarsi se qualcuno rimaneva bloccato nel filo spinato”

Reclaim The Cape – action week (22.4 – 1.5.2016) [en, fi, se, it]

Source: Fennovoima NO

EN
In the end of April 2016 it will be a year since Fennovoima started to prepare areas of Hanhikivi cape for the new nuclear power plant construction in Northern Finland. At the same time the protest camp against Fennovoima celebrates its first anniversary. The camp was able to stay inside the construction area over five months and was able to slow down the construction works. During the summer, dozens of blockades took place and newspapers wrote about various sabotages. In September, after the eviction that lasted eight days, the camp moved outside the construction site to continue its activities with help of local supporters. Blockades and other activity against nuclear power did not stop at any point.

In the end of April we are going to return to the construction site. The aim is to paralyze the whole construction site, for a long time. With a big enough group we can reoccupy the area and stay there. We don’t only want to occupy the area back but also fill the surrounding areas with activities against Fennovoima, nuclear power, destruction of nature and capitalism, and by respecting the plurality of tactics.

Come and join us to make this possible. Come to share your knowhow in a workshop or to learn from the more experienced, and start your summer with numerous comrades in the middle of nature just awaking for the spring.

The event starts on Friday 22 April with a party continuing over the weekend. The following week will be filled with action and workshops, sharing knowledge and knowhow, getting to know new comrades along with action. On Tuesday 26 April it will be thirty years from Chernobyl accident – symbolically perfect moment to stop a new nuclear project. On Chernobyl Day various organizations will carry out their protests and we will also do our part. The event will climax next weekend to the First of May when the aim is to organize an all-time riotous First of May party of Northern Finland. In the nearby cities marches for First of May are also organize and we can join them too.

You can read about our activities and follow the planning of the event at
fennovoima.no.com

If and when you decide to join us, send us an email. Please let us know if you are also interested in organizing a workshop or other activities.
stopfennovoima [at] protonmail.com

Printable flyers can be found here (click).

Huhtikuun lopussa 2016 tulee kuluneeksi tasan vuosi siitä, kun Fennovoima aloitti uuden ydinvoimala-alueen valmistelutyöt Hanhikivenniemellä Pohjois-Suomessa. Samaan aikaan juhlii Fennovoiman vastainen protestileiri yksivuotispäiviään. Leiri onnistui pysymään työmaa-alueen sisäpuolella yli viisi kuukautta ja onnistui todella viivästyttämään rakennustöitä. Alueella oli kesän aikana kymmeniä blokkauksia ja lehdet kirjoittivat lukuisista sabotaaseista. Syyskuussa tapahtuneen, kahdeksan päivää kestäneen häädön jälkeen leiri siirtyi työmaa-alueen ulkopuolelle jatkamaan toimintaansa paikallisten tukijoiden vahvalla avustuksella. Blokkaukset ja muu toiminta ydinvoimaa vastaan ei loppunut missään vaiheessa.

Huhtikuun lopulla aiomme palata joukolla työmaalle. Tarkoituksena lamauttaa työmaa kokonaan, pitkäksi aikaa. Tarpeeksi suurella joukolla voimme ottaa alue haltuumme ja pysyä alueella. Haluamme vallata alueen takaisin, mutta myös täyttää koko lähiseudun Fennovoiman, ydinvoiman-, ympäristön tuhoamisen- ja kapitalisminvastaisella toiminnalla, taktiikoiden monimuotoisuutta kunnioittaen.

Tule mukaan tekemään tämä mahdolliseksi, tule jakamaan taitosi työpajassa tai oppimaan kokeneemmilta, viettämään mahtava kesän aloitus lukuisten tovereiden kanssa juuri heräämässä olevan luonnon keskelle.

Tapahtuma alkaa perjantaina 22.4. viikonlopun kestävillä juhlilla, ja juhlien jälkeinen viikko täytetään toiminnalla ja työpajoilla, taitojen ja tietojen jakamisella ja uusiin tovereihin tutustumisella toiminnan ohessa. Tiistai 26.4 on Tšernobylin 30-vuotispäivä – symbolisesti täydellinen hetki pysäyttää uusi ydinvoimalahanke. Tšernobyl-päivänä useat järjestöt tulevat tekemään omat protestinsa ydinvoimaa vastaan ja me aiomme myös tehdä osamme. Tapahtuma huipentuu seuraavana viikonloppuna vappuun, jolloin tavoitteena on järjestää kautta aikain Pohjois-Suomen riehakkaimmat vappujuhlat. Lähikaupungeissa järjestetään myös vappumarsseja, joihin voimme osallistua.

Voit tutustua toimintaamme ja seurata tapahtuman suunnittelun etenemistä osoitteessa
fennovoima.no.com

Kun päätät osallistua tapahtumaan tai jos olet kiinnostunut järjestämään työpajaa tai organisoimaan muuta toimintaa ota yhteyttä sähköpostilla
stopfennovoima [at] protonmail.com

Tulostettavat flyerit löytyvät suomeksitäältä


SE:
I slutet av April 2016 kommer det att ha gått ett år sedan Fennovoima började förbereda områdena på Hanhikiviudden för det nya kärnkraftverksbygget i Norra Finland. Samtidigt firar protestlägret mot Fennovoima sin första årsdag.
Lägret stannade i byggnadsområdet för över fem månader och bromsade byggnadsarbetena.
Under sommaren skedde tiotals blockader och nyhetstidningar skrev om olika sabotage. I september, efter vräkningen som varade åtta dagar, flyttade lägret utanför byggnadsområdet för att fortsätta aktiviteterna med hjälp av lokalt stöd. Blockader eller andra aktiviteter mot kärnkraft stannade aldrig av.

I slutet av april kommer vi att återvända till byggnadsområdet. Målet är att paralysera hela området, för en lång tid. Med en tillräckligt stor grupp kan vi återta platsen och stanna där. Vi vill inte bara ockupera området, utan också fylla omgivande områden med aktiviteter mot Fennovoima, kärnkraft, kapitalism, förstöringen av naturen och genom att respektera mångfaldiga taktiker.

Kom med och gör det här möjligt. Kom och dela med dig av ditt kunnande i en verkstad eller för att lära dig från de mer erfarna, och börja din sommar med många vänner mitt i vårens uppvaknande av naturen.

Evenemanget börjar fredagen den 22 april med en fest som fortsätter över helgen. Den kommande veckan kommer att vara fylld med aktioner och verkstäder, delning av kunskap och kompetens, lära känna nya kamrater genom handling.
På tisdagen den 26 april kommer det att vara trettio år sedan Tjernobylolyckan – symboliskt perfekt tidpunkt för att stoppa ett nytt kärnkraftsprojekt. På Tjernobyldagen kommer flera olika organisationer protestera och vi kommer också att göra vår del. Evenemanget kommer att nå höjdpunkten under helgen, för första maj, när målet är att organisera en alla tiders upplopps första maj fest i norra Finland. I de närbelägna städerna organiseras marscher för första maj som vi också kan delta i.

Du kan läsa om våra aktiviter och följa planeringen av evenemanget på fennovoima.no.com

Om och när du bestämmer dig för att komma med, skicka ett mejl. Vänligen meddela oss om du är intresserad av att organisera en verkstad eller andra aktiviteter.
stopfennovoima [at] protonmail.com

Utskrivningsbara flygblad kan bli hittade här på engelska

IT:
Nell’Aprile del 2016 sarà un anno da quando Fennovoima ha cominciato a preparare l’area del Capo di Hanhikivi per la costruzione di una nuova centrale nucleare nel nord della Finlandia. Allo stesso tempo, il campo di protesta contro Fennovoima festeggia il suo primo anniversario. Il campo è stato in grado di rimanere all’interno della zona di costruzione più di cinque mesi ed è stato in grado di rallentare i lavori. Durante l’estate, decine di blocchi hanno avuto luogo e giornali hanno scritto di vari sabotaggi. Nel mese di settembre, dopo lo sgombero che é durato otto giorni, il campo si é spostato all’esterno del cantiere per proseguire l’attività con l’aiuto di sostenitori locali. Blocchi e altre attività contro l’energia nucleare non si sono fermati mai.

Alla fine di Aprile torneremo al cantiere. L’obiettivo è di paralizzare l’intero cantiere, per lungo tempo. Con un gruppo abbastanza grande possiamo rioccupare la zona e rimanere lì. Noi non vogliamo solo occupare la zona posteriore, ma anche riempire le zone circostanti con attività contro Fennovoima, l’energia nucleare, il capitalismo, la distruzione della natura, e rispettando la pluralità di tattiche.

Vieni e unisciti a noi per rendere questo possibile. Vieni a condividere il tuo know-how in un workshop o ad imparare dai più esperti, con numerosi compagni/e in mezzo alla natura che si sta risvegliando per la primavera.

L’evento inizia Venerdì 22 Aprile con una festa durantente tutto il week-end. La settimana successiva sarà pieno di azione e di worshops, la condivisione delle conoscenze e know-how, possibilitá di conoscere nuovi compagni/e organizzati insieme. Martedì 26 saranno trenta anni da Chernobyl’ – momento simbolicamente perfetto per fermare un nuovo progetto nucleare. Durante il Chernobyl’ Day diverse organizzazioni protesteranno e anche noi faremo la nostra parte. L’evento culmine sará nel week-end successivo, il Primo Maggio, quindi l’obiettivo è quello di organizzare la piú radicale festa del Primo Maggio della Finlandia settentrionale. Nelle vicine città, per il Primo Maggio sono organizzati dei cortei a cui possiamo unirci.

Potete leggere circa le nostre attività e seguire la pianificazione della manifestazione al sito: fennovoima.no.com

Se e quando ti decidi di unirti a noi, inviaci una e-mail. Facci sapere se sei interessato ad organizzare un workshop o altre attività anche.
stopfennovoima [at] protonmail.com

Per avere informazioni in italiano, capire come arrivare, etc. scrivi a solidareco @ inventati.org

Flyer da stampare in inglese

No all’estradizione dei 5 studenti in lotta! #freefive

Da: Autonomia Diffusa

Giovedì 12 novembre, giorno di sciopero generale, la polizia accompagnata da un magistrato, fa irruzione nelle case di cinque studenti ad Aghia Paraskevi e li arresta, su richiesta dello Stato italiano e in conformità con il Mandato Europeo di Cattura emesso contro di loro. Lo stesso giorno, a Milano, la polizia italiana arresta cinque ragazzi con lo stesso capo d’imputazione.
I reati contestati riguardano la loro partecipazione al corteo No Expo avvenuto il primo maggio a Milano Dalle autorità giudiziarie italiane e, indirettamente, dal governo stesso è stata richiesta l’estradizione dei cinque giovani affinché il loro processo si svolga in Italia, senza che l’intero fascicolo d’inchiesta sia ancora stato inviato al consiglio della Corte d’Assise, che dovrà decidere se accogliere la richiesta di estradizione.Le uniche prove fornite dall’accusa consistono nella loro presunta partecipazione agli scontri, senza specificare quali siano state effettivamente le azioni compiute e in che modo potessero essere attribuibili a loro. L’impianto accusatorio è rimasto alla mercé dei disegni politici dei magistrati della Corte d’Assise, che deciderà se il materiale raccolto sarà sufficiente a consolidare l’accusa.

No Expo – Come dire ora basta!

Che corteo era, quindi, quello a cui hanno partecipato i cinque studenti ?Quest’anno è toccato a Milano ospitare l’Esposizione Universale, un evento organizzato ogni cinque anni in una città diversa, il cui scopo primario è quello di spettacolarizzare le meraviglie del capitalismo e permettere alle grandi imprese di concludere affari di ogni genere. Chiamiamole Olimpiadi, chiamiamola Coppa del Mondo o Biennale, si tratta sempre delle stesse feste durante le quali lo champagne scorre a fiumi, rigorosamente servito da giovani sottopagati, dove tra gioielli e pellicce si raccontano le barzellette e le èlite mondiali del capitalismo firmano con la penna d’oro le ultime condizioni di sfruttamento dei lavoratori. Per l’organizzazione di questa festa non sono mancate mazzette e tangenti tra politici, mafiosi e grandi appaltatori, gli scandali e i buchi nei bilanci, parallelamente alle infami condizioni di lavoro nella costruzione e nello svolgimento di Expo, le speciali misure di sicurezza ecc. Ma sarà un successo assicurato! Non possiamo permettere alla miseria e sfruttamento di rovinarci la festa! Non dimentichiamo che questo enorme sperpero di denaro avviene contemporaneamente all’adozione di nuove misure di austerità da parte del governo italiano.

Anche se tutto questo ha un sapore greco (Olimpiadi e crisi in testa), si tratta di capitalismo mondiale. Contro questa fiera di svalutazione delle nostre vite, migliaia di persone da tutta Italia e non solo hanno deciso di unire le loro voci e il loro impegno in un collettivo “ora basta”.Il giorno di inaugurazione di Expo viene indetto un corteo NoExpo, condiviso da tutte le realtà di movimento e, grazie alla concomitanza del primo maggio, anche dai lavoratori. Sono riuscite a coesistere diverse logiche e diverse pratiche, componendo un movimento di resistenza sociale eterogeneo.

Ma che avevano da fare li i 5 di Aghia Paraskevi?

I cinque studenti accusati fanno parte del movimento studentesco greco, sono membri attivi delle assemblee del loro quartiere e hanno preso parte alle lotte scoppiate negli ultimi anni in Grecia. In altre parole sono parte di quelle migliaia di persone in lotta che negli ultimi anni sono scese nelle strade per la dignità e la solidarietà sociale. Sono una goccia nell’oceano dei milioni di persone che, organizzate o meno, resistono allo sfruttamento e alla svalutazione delle loro vite, alla violenza quotidiana del potere che arriva fino all’assassinio, dalle morti sul lavoro alle “esecuzioni” a freddo della polizia così in Grecia come in Argentina, passando per Tunisia, Egitto, Bosnia, Turchia, Messico e Brasile, solo per citarne alcuni. Era naturale che i cinque studenti partecipassero a una manifestazione del genere. Il giorno successivo, durante un rastrellamento, sono stati fermati davanti a un bar semplicemente perché uscivano da uno spazio sociale occupato; sono, poi, stati obbligati illegalmente, senza la presenza di un interprete, a fornire le proprie impronte digitali e il DNA.

Quando quelli di “sotto” si svegliano, quelli “sopra” tremano

É evidente che la resistenza generalizzata della classe subalterna non lascia indifferente lo Stato, anzi, fa aumentare la posta in gioco. L’attacco ai diritti dei lavoratori e a ogni condizione di vita dignitosa si intensifica, così da aumentare sfruttamento e paura e limitando quindi la possibilità di reagire. In poche parole vogliono costringerci a tenere la testa bassa, elemosinare le briciole e a dire pure grazie, senza avere né il tempo né la forza e l’energia per organizzare le nostre resistenze.

La violenza di Stato e la repressione fanno somigliare sempre di più le polizie nazionali a eserciti, tanto nelle tattiche quanto negli armamenti. E’ lo stesso filo rosso che unisce l’assassinio di Grigoropuolos, l’operato feroce dei MAT, le forze antisommossa, dei ΔΕΛΤΑ/ΔΙΑΣ (Delta/Dias) e in generale dei corpi di polizia durante gli scioperi generali in Grecia. Così come altrove, negli assassinii delle favelas brasiliane, nei ghetti americani e nelle banlieu francesi, a Genova nel 2001 con Carlo Giuliani, nel cosiddetti naufragi dei migranti nel Mediterraneo. É sempre lo stesso cartello d’avvertimento, quello che lampeggia sopra le teste dei dannati di questa terra a ricordarci: “state buoni, le vostre vite per noi non valgono nulla.”

Il sistema infine prepara la repressione dal punto di vista giudiziario. Il Mandato di Cattura Europeo, di cui si avvale la magistratura italiana per chiedere l’estradizione dei cinque studenti, è entrato in vigore con la legge antiterrorismo del 2004, che calpesta i diritti umani più elementari, come ad esempio il fatto che in Italia manchi un termine di scadenza massimo per la custodia cautelare. Ciò significa ad esempio che se i cinque studenti dovessero essere estradati, potrebbero passare cinque anni nelle carceri italiane, lontani dai loro cari, e successivamente dopo il processo essere assolti. Cosa alquanto probabile considerata l’esiguità di prove presentate attualmente dagli inquirenti. Questa estradizione comporterebbe il loro totale isolamento, una rovina economica per loro e le famiglie, nonché l’impossibilità di difendersi adeguatamente: altra lingua, altro diritto. L’integrazione europea somiglia a una Guantanamo generalizzata, vorrebbe vedere dietro le sbarre tutti coloro che riempivano le strade di Atene in tutti questi anni di lotte sociali, scioperi e manifestazioni.

É chiaro che l’unica accusa rivolta ai cinque studenti è quella di aver unito la loro voce a quella di migliaia si altri a Milano e altrove, di aver deciso di resistere alla sorte che i potenti di questo mondo ci vogliono riservare!

É altrettanto chiaro che la nostra solidarietà a chi lotta non è negoziabile!

– No all’estradizione dei 5 studenti in lotta di Aghia Paraskevi

– Cessazione di ogni procedimento nei loro confronti

– Solidarietà ai 5 italiani accusati per lo stesso caso

Martedì 24/11 Manifestazione all’ambasciata italiana 18.00, Sekeri & Bas. Sofias

Sabato 28/11 Corteo Monastiraki 12.00,

In occasione della giornata paneuropea di solidarietà agli arrestati per il Corteo del Primo Maggio NoExpo

                                                          Assemblea di solidarietà ai 5 studenti in lotta

Trident juncture bloccata! Note sulla manifestazione antimilitarista

Fonte: No Border Sard

Ieri si è svolta quella che per molti è e sarà una giornata storica nelle lotte antimilitariste della Sardegna e non solo. E’ stata bloccata un’esercitazione militare della NATO, non una qualsiasi però, quella che la Nato stessa ha definito come la più grande dal 2002, e forse addirittura dal 1990. Per non trarre in inganno i lettori è giusto specificare che vista l’imponenza, l’esercitazione si è svolta in tre nazioni diverse, qui in Sardegna ne abbiamo avuto come al solito una discreta fetta.

Da mesi la rete No basi né qui né altrove aveva lanciato una mobilitazione per il blocco della TJ. La scelta della data del 3 Novembre per il grande corteo è stata presa durante il campeggio antimilitarista svoltosi a Cagliari il 9 10 e 11 Ottobre. Da quel momento l’unione di nuove forze alla costruzione della giornata ha dato una forte spinta, in particolare il Comitato Studentesco contro l’occupazione militare. Sono state fatte presentazioni in tutta la Sardegna, attacchinati migliaia di manifesti e fatte tante e lunghe assemblee, in un crescendo di partecipazione e entusiasmo.

In tutto questo la questura di Cagliari, con il suo neo-capo Danilo Gagliardi, non è stata a guardare. Prima e durante il campeggio si sono visti atteggiamenti e violenze sbirresche fuori dal comune, sono stati emanati 12 fogli di via per ragazzi e ragazze del continente, alcuni dei quali non erano mai venuti in Sardegna. Le attenzioni del questore sono continuate con l’avvicinarsi del corteo.

Il 28 ottobre sono stati notificati 3 fogli di via a tre compagn* cagliaritani, per tre anni da Teulada e Sant’Anna Arresi e per qualcuno anche da Decimomannu e Arbus. Il giorno successivo altri 6. La motivazione citata nel provvedimento era l’aver identificato queste persone nei dintorni del poligono di Teulada con “fare sospetto”. In realtà tutte queste persone sono state identificate dalla polizia militare (specifico corpo dei carabinieri) nei pressi della spiaggia di Porto Pino mentre studiavano i luoghi dove si sarebbe svolto il corteo, regolarmente comunicato… I colpiti promettono immediatamente la violazione collettiva dei fogli di via.

Ma non è finita, tre giorni prima del corteo il prode questore Gagliardi decide di vietare il corteo, lo comunica solo a mezzo stampa, e si dice disponibile a concedere un sit-in in un luogo da concordare. Questa decisione si trasforma in una scintilla che innesca un incendio di indignazione e solidarietà, che poi diventerà partecipazione.

Tutto il mondo dell’opposizione alle basi militari chiede a gran voce la concessione della manifestazione, e rivendica la violazione dei fogli di via. Il questore non torna sui suoi passi, concede solo un sit-in nel parcheggio di Porto Pino con tre pagine di prescrizioni. La sera del 2 viene indetta una fiaccolata contro la Trident di fronte all’ingresso della base di Teulada e contro le decisoni questurili. Gagliardi vieta anche quella, ma giustamente viene fatta lo stesso, e si trasforma in veglia, in attesa del corteo della mattina dopo.

Il 3 Novembre per qualcuno inizia molto presto, alle 6 e 30 carabineiri e polizia si presentano in una casa per notificare altri tre fogli di via, tre anni da Teulada e Sant’Anna Arresi e per uno anche da Decimomannu e Arbus.

Alle otto e mezzo partono tre pullman da Piazza Matteotti, macchine e macchinate convergono a Porto Pino da tutta la Sardegna. La s.p. 73 è presidiata dagli sbirri come se conducesse a Gaza. Quasi tutti vengono fermati e identificati, alcuni anche perquisiti, con la sola motivazione di recarsi in direzione del concentramento. I pullman vengono fermati sul limite amministrativo del comune di Sant’Anna Arresi, DIGOS e celere li accerchiano e iniziano a cercare i titolari dei fogli di via. Nel frattempo le persone giunte a Porto Pino dopo rapide consultazioni decidono di partire incorteo verso i pullman bloccati. Dopo lunghe discussioni i compagn* con il foglio di via vengono portati alla caserma di Giba, e vi rimarranno fino alle 17, avendo in omaggio la denuncia per violazione. Gli altri possono così proseguire, decidono di partire in corteo dal blocco e andare verso l’altro corteo che si era mosso verso la loro direzione.

Da qui in poi la cronaca non è scritta dalle stesse mani perchè i redattori di questo blog erano tutti fra “i ragazzi di Giba”. Scorrendo gli articoli sottostanti troverete i comunicati di solidarietà e articoli vari inerenti la giornata del tre il prima e il dopo. Alla prossima..

Ore 12.30. dai pullman parte il corteo.

Ore 13.00. il corteo viene più volte provato a fermare da schieramenti di celerini, che a volte decidono poi di spostarsi dopo le afone grida dei confusi dirigigenti di piazza, altre vengono semplicemte aggirati dai campi.

Ore 14.00 il corteo entra nella strada che conduce a Porto Pino.

Ore 14.45. Il corteo devia su una strada sterrata prima del bivio di Porto Pino in località is Brebeis, lungo lo stagno. La polizia nervosissima carica alle spalle. Vengono lanciati dei lacrimogeni, i manifestanti resistono. Diversi feriti. Ora il corteo spezzato. Il vice questore Rossi fuori di sé sbraita e minaccia arresti ma i manifestanti non rinunciano a proseguire

Ore 15.00. Alcuni gruppi proseguono verso il poligono, un folto gruppo resta nella strada sterrata mentre un altro troncone è fermo sulla strada asfaltata. La polizia ha difficoltà a controllare la situazione.

Ore 15.15. Almeno 20 manifestanti sono riusciti a tagliare le reti e a introdursi nel poligono! Altri gruppi li seguono. L’esercitazione è bloccata! Il grosso del corteo resta bloccato sulla strada asfaltata con la polizia massicciamente disposta sul bivio sterrato.

Against solidarity tourism in Greece [en, it]

Source: Classe

ITA
Per la traduzione in italiano dell’articolo vai qui: Contro il turismo solidale in Grecia

After the OXI referendum I have noticed that more and more people are becoming interested in the faith of the greek country.

I’ve also noticed some ridiculous arguments that invite middle class people (especially from northern European countries) to travel there in order to help Greece to get out of the crisis.

Anyway since I hate tourism as much as I hate capitalism itself I need to write something about both the idea of solidarity tourism, and the reality of tourism itself.

Why is solidarity tourism in Greece useless and wrong complete bullshit?

The very idea that tourism can work as an act of solidarity towards the poor* of a country is not only ridiculous**, but also wrong, because it is based on the ideological fallacy known as “trickle-down economics” (TDE).

TDE means that if the bosses, the employers, (e.g. a shop or hotel’s owner) get more profit, this will automatically produce a trickle-down effect that will make everyone in the economic system better off, including the poor.


This picture shows how we’re told it works

This is one of the main concepts upon which neoliberalism is based, and it has been proven historically wrong if not even false in its premises.

Basically because when the rich get richer, the rich get richer. That’s it.


This picture shows what actually happens

Only the organised struggle of the poor produces a real improvement in their material conditions of life by means of re-appropriation of direct and indirect income from the rich.

This means that the best way to help the poor in Greece is by understanding how you can help people organising struggles there. And I’m sorry to tell you that your option is a bit less easy than you thought. In fact to concretely help their struggle you may have to organise with other people around you, to achieve the noble objective of fucking the bosses where you live.

For example organising a struggle so strong that will induce other people to refuse austerity measures imposed by your government. The more people reject austerity globally, the weaker the institutions (banks, IMF, hedge funds) that use it as a tool of expropriation and transfer of wealth from the poor to the rich become.

Sending money directly to the workers and their organisations in Greece is nothing but it is still better than going to Greece as a tourist.

Which brings me to the second point.

Why do we fucking hate tourism?

I explained why tourism is ineffective, but why is tourism also bad for the poor in a country?

I tried to produce an explanation for this some time ago. Tourism only produces bad effects in the medium/long term for a country. Because tourism means consumption: of land, environment, services, relationships and affections.

Tourism is one of the biggest vectors of gentrification in many countries, cities, villages and neighborhoods.

I will quote what I already wrote because I believe it is still valid.

because, being in a position of power in respect to the visited countries (tourism brings the cash!), tourists also own an unimaginable power to modify (or better, have modified for them) the urban and rural assets to cater for their own needs and desires. Not only what the tourists consciously want, but also what is necessary for them in term of facilities, logistics, transportation etc.

Moreover, the people living in mass tourism destinations are also shaped by this duality of Desires and Needs. You may have heard this sentence before “they are so friendly, [because they are] accustomed to tourists!” in regard to people living in mass-tourism destinations.

That’s not “friendly”, that’s just a skill people develop to sell richer people an “experience” which consists in pure consumption, of land, cities and relationships.

A mass of consumerist tourists is no more than a swarm of unconscious architects and designers; the “attractions” – whether they are urban, natural environments or even subjectivities – their theme park, their actors; to be constantly shaped by the capital flows to maximise the value they can generate.

This doesn’t mean you shouldn’t travel to a place(!) but this means you must reconsider completely how you used to travel before: by what means, to do what, how and where you will stay, what connections you will make and if you will be just a consumer or a comrade with the people there. And no, transferring money from your wallet to their bosses’ by buying services will not make you their comrades.

*I will write “the poor” meaning generally the working class, the unemployed people, the proletarians;

**and extremely ignorant of how economics work. Tourism never solved the economic problems of the poor anywhere. There are highly visited countries where the poor lives in slums and, consequently, the rich in golden palaces. All the same, going to Greece will not solve the financial and productive crisis that caused the country to be in this mess.

(Updated) 5 people in hunger strike against nuclear power plant (Finland) [en, it – fi, it]

Source: Hyökyaalto.net ; Takku.net ; Yle.fi

UPDATE:

FIN:
PUUSTA! THE PERSON IS BEEN TAKEN DOWN FROM THE TREE.

Puussa ollut henkilö on tänään otettu alas. Puun viereen raivattiin ja rakennettiin tie, jotta useat tehtävään tarvittavat ajoneuvot pääsivät puun lähelle. Yksi poliisi ja palomies aloittivat puun katkomisen latvasta. Samaan aikaan toinen pari lähestyi majaa alhaalta päin oksia karsien. Jonkin aikaa “orava ja näätäparvi” -leikki jatkui puussa, oksalla, majan alla, ylempänä, alempana kunnes lopulta kurren köydestä saatiin pitävä ote ja siirto kurottajaan vihdoin onnistui. Henkilö toimitettiin ambulanssilla nesteytykseen, mutta suht hyväkuntoisena hän on tänään pääsemässä jo vapaalle. Puun valtaus kesti 9 päivää ja osoitti, ettei kamppailu Fennovoiman järjetöntä hanketta vastaan ole laantunut. Toisin, kuin Fennovoiman tiedotteisiin nojaavassa uutisoinnissa väitetään, alue ei ole ydinvoimalatyömaa. Alueella ei ole edes virallista liikkumiskieltoa kuin aikaisintaan loppuvuodesta. Olemme iloisia, että toverimme on olosuhteisiin nähden hyvässä tilassa. Nälkälakot on nyt lopetettu.

Kiitämme kaikesta huomiosta ja tuesta!

ENG:
The person in a tree hut is been taken down by the cops. The operation required cutting trees, building a new road, special unit of cops and fire department, 3 big vehicles, guards, and many hours. Finally the mop of pine martens caught the squirrel. Our comrade was taken into hospital to get liquid, but was already released this night. We are happy that the person is quite ok. All the hunger strikes ended this evening.

Thanks for all solidarity and attention!
On Tuesday September 15th the cops and security guards from local security company Arlia and G4S (they legally are able to stop people and give them to police) started to evict the activists from the land where Fennovoima has planned the construction site of the nuclear power plan in Hanhikivi Cape in Pyhäjoki. 4 arrests were made but people were released the day after. Updates from a treehouse (where a comrade is protesting) tell us that by 23:00 Wednesday the cops have not yet succeeded to empty the area, but the destruction is still in progress.

Activists of Hyökyaalto (Tsunami)network and from all over Finland, Sweden and other countries has been present in the protest camp since April.

Since Sep 15th an activist is on a treehouse on hunger strike to pretend the stop of Fennovoima’s Nuclear power plant project. He is still able to communicate thanks to a mobile phone. Police and security don’t let activists to come closer and to help the comrade. His name is Tomas Aakenus, for one week he had food to eat, but on Sunday it finished, so he decided to continue the protest by an hunger strike.

In Pyhäjoki (Hanhikivi Cape is part of administration of the city) 3 people have gone on hunger strike in front of Fennovoima’s office, 1 more also in Helsinki, present in Occupied Porthania (University of Helsinki) on Monday 21th.

Hyökyaalto network inform that is worried about the health of Tomas, due to a previously fever he had and now he has difficulty in absorbing liquids: “Everyone knows the circumstances, if you have wet clothes on a tree for weeks, including three days without eating. So, yes, he begins to be in poor condition.”

Activists claim responsibility of Tomas’s health and safety to the nuclear power company: “These then will be to sort out, if necessary, in court. We believe that the responsibility is of Fennovoima. Which is the bigger criminal: an illegal demonstration or other life-endangering?”

ITA:
Martedí 15 Settembre gli sbirri e le vigilanti/guardie di sicurezza delle compagnie di sorveglianza Arlia e G4S (hanno il diritto di fermare le persone e consegnarle alla polizia) hanno iniziato lo sgombero degli attivisti dalle terre dove Fennovoima ha pianificato i cantieri della nuova centrale nucleare nel Capo di Hanhikivi a Pyhäjoki. 4 arresti sono avvenuti ma le persone sono state rilasciate il giorno dopo. Aggiornamenti dalla casa sull’albero (dove c’é un compagno) dicono che alle 23:00 di Venerdí gli sbirri non hanno completato lo sgombero dell’intera area, ma la distruzione continua.

Gli attivisti della rete Hyökyaalto (Tsunami) e da tutta la Finlandia, Svezia e altri paesi sono stati presenti nel campeggio di protesta da Aprile.

Dal 15 Settembre un attivista sull’albero é in sciopero della fame per pretendere lo stop al progetto della centrale della Fennovoima. É ancora in grado dicomunicare grazie ad un cellulare. Polizia e vigilanti non permettono agli attivisti di avvicinarsi ed aiutare il compagno. Il suo nome é Tomas Aakenus, per una settimana ha avuto cibo da mangiare, ma Domenica ha finito le provviste, quindi ha deciso di continuare la protesta con uno sciopero della fame.

A Pyhäjoki (il Capo di Hanhikivi é parte dell’amministrazione della cittá) 3 attivisti sono entrati anch’essi in sciopero della fame di fronte aggli uffici di Fennovoima, un altro compagno in piú ad Helsinki, presente nell’Occupazione di Porthania (Universitá di Helsinki) da Lunedí 21.

La rete Hyökyaalto informa che é preoccupata della salute di Tomas, vista la precedente febbre che ha avuto e la presente difficoltá di assorbire liquidi: “Tutti conosciamo le circostanze, se hai vestiti umidi su un albero per settimane, e la fame da giorni. Quindi, sí, lui ha iniziato ad essere in condizioni gravi.”

Gli attivists danno la responsibilitá della salute di Tomas’s alla compagnia nucleare: “Se sará necessario, risolveremo questo caso anche in tribunale. Noi crediamo che la responsibilitá sia di Fennovoima. Cos’é piú criminale: un manifestante illegale o il rischio di vita?”

Comrades in hunger strike in front of Fennovoima’s offices / Compagn* in sciopero della fame davanti agli uffici di Fennovoima:

Repression and borders: they will never stop us! [it, eng]

Source: Presidio No Borders Ventimiglia – No Borders Oversee Ventimiglia

Updates/Aggiornamenti:

31.08
Sono trascorse le 24 ore e Andrea non è ancora stato rilasciato. Sappiamo che in questo momento si trova a Nizza ma ancora non abbiamo notizie della sua condizione legale. Siamo in contatto continuo da ore con gli avvocati che cercano con difficoltà di fare chiarezza sulla situazione.

24 hours passed and Andrea hasn’t been released yet.
We know he’s been transfered to Nizza, but we have no recent news of his legal condition. From hours we are in continuos contact with the lawyers who are hardly trying to understand the situation.

24 heures sont passées et Andrea n’a toujours pas été relaché. Nous savons qu’en ce moment meme il se trouve à Nice, mais nous n’avons pas encore de nouvelles sur ce qu’il risque. Depuis deux heures nous sommes en contact continu avec ses avocats qui tentent de comprendre la situation.

30.08
h.16:30 i tre compagni trattenuti negli uffici della PAF vengono rilasciati dopo piu di 4 ore.
Andrea invece si trova ancora garde à vue; seguiranno aggiornamenti!

h.16:30 les trois camarades qui ont été enfermées ou commissariat de la PAF ont été relachées après plus de 4 heures d’identification.
Andrea est encore en garde à vue, plus d’infos à venir.

h.16:30 the 3 comrades who were arrested and kept in the border police station have been released after more than 4 hours to check their identity.
Andrea instead is still retained in “garde à vue”, updates soon!

La repressione continua al presidio di Ventimiglia.
Ieri sera, Pasquale, attivista No Borders presente al confine sin dal primissimo giorno, è stato fermato sulla strada per Ventimiglia appena fuori dal campo dalle forze dell’ordine e invitato a recarsi in commissariato. Lì gli è stato notificato un foglio di via in cui gli viene contestata l’occupazione al presidio e la partecipazione alla manifestazione non autorizzata di sabato 22 agosto.
La misura adottata, risulta oltremodo grave e incomprensibile, Pasquale infatti vive in un paese limitrofo (Dolceacqua) e non può fare a meno di passare da Ventimiglia per svolgere le sue attività quotidiane.
Insieme a lui è stato fermato e portato in commissariato anche una altro attivista, arrivato al presidio ieri stesso. Dopo essere stato tenuto per più di quattro ore negli uffici della polizia, dopo essere stato minacciato di espulsione ha rifiutato di dare le impronte digitali e foto segnaletiche e per tutto ciò è stata aperta un’ indagine per resistenza a pubblico ufficiale a suo carico.

La stretta repressiva viene usata in maniera totalmente strumentale per attaccare il presidio e intimidire le volontà e la vita degli occupanti, in quanto espressione di una nuova sperimentazione di autorganizzazione.
Con questo comunicato vogliamo richiamare l’attenzione su tutti gli atti di repressione che stanno colpendo il campo in queste settimane. Ultimo tra questi l’abuso subito ieri mattina da due compagne, fermate durante una delle attività di monitoraggio alla stazione di Menton e trattenute dalla PAF (police aux frontiers) per 3 ore in frontiera assieme ai migranti rastrellati sul treno.

Dopo il brutale arresto di Fouad la notte del 23 agosto, dopo i sei fogli di via consegnati ai compagni/e la notte dell’11 Agosto e il pestaggio da parte della Police Nationale francese e della BAC (Brigade Anti-Criminalité), la stessa notte, di un compagno francese, fermato insieme ad altri due attivisti, affianco ai continui e massicci respingimenti di migranti che la polizia francese e italiana operano ogni giorno, contrastandosi e contraddicendosi continuamente.
Possiamo oggi osservare che almeno su un punto i loro interessi si congiungono: reprimere quelle persone che hanno deciso di fare uscire dall’invisibilità il movimento per la libertà che i migranti portano qui e nel resto d’Europa. In realtà, questa modalità di controllo dei movimenti migranti, della quale assistenzialismo e militarizzazione si nutrono, si ritrova ovunque. Dai lager che l’Europa costruisce in Magreb ai recenti rinforzi militari a Calais, passando per i molteplici sgomberi avvenuti a Parigi durante l’estate. La repressione continua laddove organismi parastatali come la Croce Rossa o France Terre d’Asile non riescono a far tacere la voce dei migranti in lotta per la dignità in ogni luogo che attraversano.

A tutta la repressione che viene e verrà dal potere poliziesco e istituzionale, le relazioni che qui si sono costruite e intrecciate continueranno ad attaccare e indebolire la loro pretesa di controllare e gestire i flussi migratori.
Pensano forse di fiaccarci con la loro repressione costante?
Credono davvero di poter fermare chi ogni giorno questi confini li oltrepassa?
Davanti a tutte le persone che la fortezza Europea assassina quotidianamente nel mediterraneo e sulle sue autostrade opponiamo una sete di libertà incontrollabile.
Non saranno certo vecchi e nuovi dispositivi di repressione a fermare questo viaggio. Ci allontanate da qui, ci troverete ovunque, nelle strade e nelle città pronti a far rinascere la lotta contro ogni confine.
Il contrattacco sarà la nostra pratica quotidiana.

Every cop is a border!
We are not going back!

Presidio Permanente No Borders Ventimiglia

EN
Repression goes on at the Ventimiglia No Borders Camp.
Yesterday night Pasquale, one of the no border activists present at camp from the first days, was stopped just outside the camp from the italian police, which took him to the local station. He was expelled from Ventimiglia municipality for the occupation of the place and for his participation to the 22 of august unauthorized demonstration.
The measure adopted are worrying and unfounded. As a matter of fact Pasquale leaves in a nearby town (Dolceacqua), therefore he phisically needs to pass by Ventimiglia in order to carry on his daily acivities.
Together with him another activist, who arrived just yestrerday, was stopped and taken to the police station. After he has been kept for more than 24 hours inside the station, he has been threathend of expulsion from Italy and after he refused to leave fingerprints and photo identification a file for resistance to public officer was opened against him.

This enhanced pressure forces are used in a totally instrumental way with the aim of attacking the no border camp and intimidatimg the will and life of occupants, because of its power being a new form of self-organization. Through this press release we want to call the public attention on the repressive practices perpetrated against the camp in these weeks: last one being to the demage of two comrades who yesterday were stopped at the Menton train station while doing monitoring activity, and were brought by the PAF to the border police station, where they were forced to remain for three hours, together with the immigrants stopped on the train.

Both Italian and French police have been using repressive measures in the last weeks: Fouad arrest on the night of 23rd Agoust, six expulsion orders emitted on the night of 11th August together with the harassment of one comrade by part of of the BAC (Brigade Anti-Criminalité) police, together with the constant and and massive stopping and sending back police operations that both Italy and France carry on in absurd net of legal and burocratic contraddictions. It is clear that their interest converges in one specific point: to stop those people who decided to make evidentand shed a light on migrants movement for freedom across Europe. This kind of control, nourished by militarization and institionalized and racist charity, are to be found at every European border: from the European lagers in Magreb to the military reinforcement in Calais, to the several evictions carried on in Paris. This kinds of scenarios opens up in all those sposts where connivence between organizations like Red Cross or France Terre d’Asile and governaments do not succeed in covering the voices of migrants who are fighting for dignity in every and each country they are crossing.
Do they really think to stop us because of intimidation and repression?
Do they really think this is going to stop the power of an authentic fight for freedom?

Our answer to the daily killing of people in the Mediterrenean and on the streets of the European Fortress is an uncontrollable thirst for freedom.
Neither new nor old repression devices will ever stop this jouney. Those who are forced to leave from here are to be found again everywhere, on the streets and in the cities to make the fight against border go on.
Our strategy will be our daily and diffused actions and practices.

Every cop is a border!
We are not going back!

Presidio Permanente No Borders Ventimiglia

Sabotaggio per commemorare i Mapuche assassinati

Fonte: Comitato Carlos Fonseca

Collipulli/ Dopo la commemorazione dei codardi omicidi dei weichafe (guerrieri, ndt) Mapuche Rodrigo Melinao e Jaime Mendoza Collio, oggi nel territorio Wenteche sono stati compiuti degli atti di sabotaggio contro i principali nemici delle comunità mapuche in resistenza, 6 camion appartenenti all’impresa forestale Arauco sono stati completamente distrutti all’interno del Fondo Santa Cruz.

Bisogna precisare che queste azioni si inquadrano nella commemorazione dell’assassinio dei comuneri Mapuche:

RODRIGO MELINAO LIKAN ( 6 agosto 2013): Era stato processato varie volte per il suo attivo ruolo nel recupero della terra e per azioni di resistenza mapuche nella zona di Ercilla. Aveva eluso l’autorità dandosi alla fuga e fu decretata la sua cattura ad ogni costo. Si era mantenuto in clandestinità fino a quando, una notte, fu trovato morto con segni di crudeli torture. Fu freddamente assassinato da mercenari repressori, da yanakona (indigeni ausiliari, traditori, ndt) e gruppi anti mapuche che operano al margine della legge, per tutelare gli interessi dei grandi gruppi capitalisti. Fu un oscuro crimine pianificato.

JAIME MENDOZA COLLIO (12 agosto 2009): Durante l’occupazione di un fondo, nell’ambito del recupero delle terre ad Ercilla, Forze Speciali e GOPE (grupo operativo speciale dei Carabinieri, ndt) hanno fatto irruzione sparando sulle persone che si trovavano nell’occupazione del fondo conteso, i repressori inseguirono per chilometri il Weichafe Jaime Mendoza Collio fino a sparargli un colpo alla schiena, provocando così la sua morte. Successivamente le istituzioni e l’agente del GOPE manipolarono le prove per giustificare nei tribunali che lo sparo sarebbe stato effettuato “a propria difesa”, versione che è stata screditata.

Il fatto che lo Stato Cileno si rifiuti di rinunciare alle forze di polizia, alle imprese forestali e ai coloni che occupano con la forza i territori in conflitto nel Wallmapu, e che cerchi come unica soluzione le azioni giudiziarie, farà sì che le mobilitazioni, usando la violenza politica, continuino ad essere sulla prima pagina di vari mezzi dell’informazione e che i tribunali si riempiano di cause.

Fuori gli investimenti capitalisti dal Wallmapu.

Esercitando il controllo territoriale, avanziamo verso la liberazione nazionale.

Libertà per i Prigionieri Politici Mapuche

Marichiweu!

(Vinceremo 10 volte!)

7 Agosto 2015

Werken

No TAV: barricate, scontri e molto coraggio [it, en]

Fonte/Source: Notav.info

Basta guardare gli occhi di chi c’era stanotte per capire cos’è che può fare la differenza di questi tempi.

Sapere come ci si sente a marciare al buio, in un silenzio irreale dove al rumore dei passi e degli zaini che scricchiolano si aggiungono solo i canti degli animali della natura, che continuano le loro attività nonostante il nostro passaggio.

Sentire il cuore che batte un po’ più forte, quando si cammina stretti, con la mano che cerca l’umida pietra per non avvicinarsi troppo al dirupo, attenti a chi sta davanti e a chi c’è dietro…per non perdersi neanche un istante, per rinnovare ad ogni passo il coraggio consapevoli che ogni metro ci avvicina a chi ci è nemico.

Chi non c’è, e i giornali non lo racconteranno, non può sapere dei piccoli gesti di solidarietà che in questi momenti fanno la differenza, di come ognuno mette a disposizione ciò che ha e ciò che può fare per essere d’aiuto, che si tratti del prestare un accendino, di aiutare a spostare un grosso tronco o di allungare un po’ di Maalox a chi retrocede dalle prime vie.

E poi c’è chi sta davanti, i nostri coraggiosi armati di un grande cuore e non solo di buone gambe.

Quella passata è stata una grande notte notte in Val di Susa.

In centinaia, dalla valle e da tutta Italia, ci si è ritrovati per questa intensa estate di lotta e per una passeggiata notturna che si sapeva determinata.

Tra blocchi, battiture, azioni di disturbo e l’iniziativa di stanotte in quest’estate di lotta il Movimento No Tav ha dato un buon segnale a tutti quei politicanti e affaristi che si riempiono la bocca con una parola che in questa valle non è di casa: pacificazione.

Come non sarà mai accettabile che a fronte di enormi disastri ambientali e una situazione di crisi che continua ad affaticare le vite di molti, avvenga un tale sperpero di denaro pubblico.

Uno schiaffo in faccia a chi rimane senza lavoro, a chi perde la casa, a chi non riesce a pagarsi le bollette, a chi per avere adeguate cure sanitarie deve aspettare troppi mesi, ai nostri figli che vanno a studiare in scuole fatiscenti.

In questi decenni di lotta generazioni di giovani sono cresciuti tra i presidi e i cortei No Tav, in tutta Italia la nostra lotta è diventata un simbolo di speranza e ogni anno da tutto il paese e dall’Europa sono tantissimi a passare di qua, per conoscere questa storia di Resistenza e dare il proprio contributo.

L’arroganza della politica e la violenza delle istituzioni si legittimano tra di loro, nel tentativo mal riuscito in tutti questi anni di piegare la nostra volontà a suon di militarizzazione del territorio, minacce, ricatti, denunce, processi e galera. Sicuramente l’hanno messa alla prova, ma essa è più forte di quanto forse anche alcuni di noi potessero immaginare.

Notti come quella appena passata dimostrano che, nonostante le difficoltà e queste nessuno le nega, la speranza di cambiare le cose e di decidere del nostro futuro continua ad essere più forte di ogni loro violenza.

Anche stanotte i nostri sentieri ci hanno aperto la via per arrivare al cantiere e il resto l’ha fatto il nostro coraggio, solido come le alte barricate che al buio abbiamo costruito per contrastare l’avanzata del nemico.

Avanti No Tav, la Resistenza si fa un passo alla volta!

EN:
Just look at the eyes of those who were there tonight to figure out what is it that can make the difference of these times.

Know how it feels to walk in the dark, in an eerie silence where the sound of footsteps and creaking backpacks are added to only the songs of the animals of nature, who continue their activities despite our passage.

Feel your heart beating a little stronger when you walk close, with the hand that seeks damp stone to not get too close to the cliff, conscious of who has front and who is behind… not to miss even a moment, to renew every step the brave aware that every inch brings us closer to who is our enemy.

Who is not there, and the newspapers do not tell, can not know the small gestures of solidarity in these moments that make the difference, how each provides what it has and what it can do to help, that is traits lend a lighter, helping to move a large log or to stretch a bit of Maalox who recedes from the first routes.

And then there’s those in front, our brave armed with a big heart and not only of good legs.

That last night was a great night in Val di Susa.

Hundreds, from the valley and all over Italy, there has been found for this summer of intense fighting and for a night walk you knew determined.

Between blocks, beatings, harassment and the initiative tonight in this summer of the No Tav movement it gave a good signal to all those politicians and businessmen who fill their mouths with a word that is not in this valley it’s not our: pacification.

As it will never be acceptable in the face of huge environmental disasters and a crisis that continues to strain the lives of many; let such a waste of public money.

A slap in the face to those who are without job, to those who lose the house, to those who can not pay their bills, for those who have adequate health care should not expect too many months, our children who go to study in crumbling schools.

In these decades of struggle generations of young people have grown up between the principals and the No Tav marches, throughout Italy our struggle has become a symbol of hope and every year from all over the country and Europe are so many to go from here, to know this history of resistance and contribute.

The arrogance of the political violence of the institutions legitimize each other, in the unsuccessful attempt in the years to bend our will to the sound of the militarization of the territory, threats, blackmail, charges, processes and jail. Surely they tested, but it is stronger than perhaps some of us could imagine.

Nights like the one just past shows that, despite the difficulties and these no one denies, the hope to change things and to decide our future continues to be stronger than all their violence.

Even tonight, our paths have opened the way to get to the construction site and the brave didthe rest, solid as the high barricades in the dark we built to counter the advance of the enemy.

No Tav, the Resistance takes one step at a time!